Pranzo sano: come organizzare il cestino del pranzo di tuo figlio

Di solito diciamo che in Brasile l'anno inizia solo dopo il Carnevale. Per quanto riguarda l'anno scolastico, sembra che le lezioni inizino davvero solo dopo la baldoria. Ebbene, il materiale e la divisa sono già stati acquistati e le aspettative dei bambini sono alte. E i genitori hanno un'altra preoccupazione: che dire della merenda? Cosa fare per garantire una sana merenda ai bambini?

Indipendentemente dall'età, il cibo è una questione importante nella fase scolastica. Quindi, aiutiamo con alcuni suggerimenti per fare uno spuntino sano per loro. Dopotutto, siamo nell'era della lotta all'obesità infantile e della prevenzione di problemi come ipertensione, malattie cardiovascolari e diabete!

Bisogni individuali

È importante consultare il pediatra e un nutrizionista. La dieta dovrebbe variare in base all'età e alle attività che di solito svolgono. Se il bambino o l'adolescente si esercita regolarmente - nuoto, scuola di calcio o accademia di danza - potrebbe aver bisogno di una dieta con più calorie e nutrienti differenziati come il potassio, che è importante per il corretto funzionamento dei muscoli. Se le attività extracurriculari sono più intellettuali, come scuola di lingue, teatro o lezioni extra, allora è interessante rafforzare il consumo di cibi che aumentano la concentrazione e stimolano il pensiero, che sono ricchi di omega-3 e vitamine del gruppo B.

Deposito snack

Oltre alla preoccupazione nutrizionale, è anche importante considerare la conservazione del cibo. A seconda dell'orario scolastico - part-time o full-time - possono trascorrere più o meno tempo nel cestino del pranzo. Investi in scatole da pranzo e contenitori termici, che mantengono la temperatura del cibo più a lungo, sia caldo che freddo. E controlla a scuola per vedere se gli snack possono essere conservati in frigorifero fino all'ora dello spuntino.

Lo spuntino sano

Gli esperti di nutrizione consigliano che un pasto sano per un bambino in età prescolare (da 4 a 6 anni) dovrebbe avere:

  • Liquido - suggerimento: preferibilmente acqua, soprattutto se il bambino consuma già frutta; succo di frutta naturale, preferibilmente senza zucchero (mai dolcificante con dolcificanti sintetici); acqua di cocco naturale. Un buon consiglio per conservare il succo naturale, soprattutto nelle giornate più calde, è mettere i cubetti di succo congelati nella bottiglia termica (utilizzare la forma del ghiaccio per congelare il succo);
  • Porzione di frutta - suggerimento: prediligere quelle che possono essere mangiate con la buccia, come fragole, more, uva senza semi, mele, pere, o facili da sbucciare, come banane e mandarini;
  • Porzione di proteine ​​animali o vegetali - suggerimento: formaggio, ricotta, yogurt, tofu, pistacchi, mandorle, anacardi, avena. Un buon consiglio è fare un impasto con castagne, pistacchi e mandorle;
  • Porzione di carboidrati - suggerimento: pane, preferibilmente intero o siriano, biscotti senza ripieno, come acqua e sale e amido; torte fatte in casa.

L'importo dipenderà dall'appetito di ciascuno. Prova a mescolare cibi che piacciono di più al bambino con altri che non sono preferiti - e concorda con lui che è necessario mangiare l'intero spuntino. Non puoi lasciare quello che non ti piace! A questa età la preferenza per i sapori dolci è naturale, ma gli altri sapori vanno insegnati e con l'usanza si apprezzano anche. Le marmellate di frutta, fatte in casa o al naturale, sono un buon sostituto dei dolci. Articoli come popcorn a basso contenuto di sale, pannocchie cotte, pane al formaggio e tapioca aiutano a variare i sapori e tendono ad avere una buona accettazione tra i più piccoli. Un'altra opzione molto salutare è quella di includere nello spuntino carote crude, sbucciate e tagliate a bacchette e pomodorini o uva (piccoli e tondi).

Cosa è proibito?

Da 0 a 6 anni, il corpo sta formando la sua memoria alimentare, quindi è molto importante favorire il consumo di cibi sani ed evitare cibi lavorati, come pasta surgelata, spaghetti istantanei, salsicce e barrette di cereali. Quindi, quello che dovrebbe essere tagliato dalla scatola del pranzo è: cioccolatini, caramelle e lecca-lecca, latte con cioccolato, bibite analcoliche, bevande isotoniche, torte con ripieno e condimenti, biscotti ripieni e cibi fritti. Lascia che questi articoli vengano consumati alla fine - alle feste o in viaggio quando è più difficile preparare i pasti o nei fine settimana.

Di Samasse Leal