Scopri come la vitamina E può apportare benefici al tuo corpo

Una delle "stelle" nel gruppo dei nutrienti con capacità antiossidante , la vitamina E offre numerosi vantaggi, tra cui la protezione contro le malattie cardiache, il cancro e altri. Poiché è liposolubile, viene immagazzinato nell'organismo per periodi relativamente lunghi, principalmente nel tessuto adiposo e nel fegato. Si trova solo in alcuni alimenti e molti di loro sono ricchi di grassi. Pertanto, è relativamente difficile ottenere la quantità necessaria di vitamina se si mantiene una dieta sana a basso contenuto di grassi. Pertanto, gli integratori vitaminici possono essere molto utili per ottenere le quantità ideali di questo nutriente.

Principali funzioni della vitamina E

Una delle funzioni fondamentali della vitamina E è proteggere le membrane cellulari. Inoltre, aiuta anche l'organismo a utilizzare il selenio e la vitamina K. Tuttavia, la sua importanza deriva dal suo potenziale per combattere le malattie come antiossidante. Pertanto, aiuta nella distruzione o neutralizzazione dei radicali liberi; le molecole di ossigeno instabili che causano danni alle cellule.

Dove lavora

La vitamina E può essere importante nella prevenzione del cancro difendendo le membrane cellulari e agendo come antiossidante. Uno dei sondaggi più importanti condotti fino ad oggi suggerisce che può aiutare a proteggere dalle malattie cardiovascolari, inclusi infarto miocardico e ictus; scopri il legame tra grasso intra-addominale e malattie cardiache. Inoltre riduce gli effetti nocivi delle LDL e previene la formazione di coaguli di sangue. Inoltre, agisce per diminuire i processi infiammatori associati alle malattie cardiache. Gli studi suggeriscono persino che mangiare insieme alla vitamina C può aiutare a bloccare alcuni degli effetti dannosi di un pasto ricco di grassi.

Benefici addizionali

Poiché la vitamina E protegge le cellule dai danni dei radicali liberi, alcuni esperti ritengono che possa rallentare l'invecchiamento. Ci sono anche prove che migliora la funzione immunitaria negli anziani, combatte le tossine del fumo e altri inquinanti. Può anche agire nel morbo di Parkinson, ritardare lo sviluppo della cataratta e rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.

In altre ricerche, è stato scoperto che può mitigare il dolore intenso alle gambe causato da problemi circolatori. Può anche alleviare il dolore premestruale e la tenerezza del seno. Infine, molte persone riferiscono che l'applicazione di creme o oli che contengono la vitamina sulle ferite sulla pelle aiuta a promuovere la guarigione.

Quanto hai bisogno

La dose giornaliera raccomandata (RDI) è di 10 mg per gli adulti (7 UI). Sebbene questa quantità sia sufficiente per prevenire la carenza di questa vitamina, sono necessarie dosi maggiori per ottenere l'effetto antiossidante. L'assunzione di vitamina E al di sotto della RDI può causare danni neurologici e ridurre la vita dei globuli rossi. Tuttavia, se segui una dieta equilibrata, probabilmente non sei a rischio.

Non assumere vitamina E due giorni prima o dopo l'intervento chirurgico. Inoltre, se prendi anticoagulanti o acido acetilsalicilico su prescrizione, dovresti consultare un medico prima di assumere la vitamina.

Non sono stati scoperti effetti tossici derivanti dall'ingestione di grandi dosi di vitamina E, anche a livelli fino a 3.200 UI al giorno. Raramente sono stati segnalati effetti minori, come mal di testa e diarrea. Tuttavia, dosi elevate possono interferire con l'assorbimento della vitamina A, indicata per il trattamento di problemi agli occhi e infezioni.

Il germe di grano è una straordinaria fonte alimentare di vitamina E: 28 g (circa 2 cucchiai) contengono l'equivalente di 54 UI. Quantità benefiche si trovano anche in oli vegetali, frutta secca e semi, verdure a foglia verde e cereali integrali.

Se hai problemi di salute, parla con il tuo medico prima di assumere integratori.