Comprendi cos'è una cataratta, se ha una cura e cosa fare per prevenirla

Sebbene la metà delle persone sopra i 50 anni e il 75% di quelle sopra i 75 anni sviluppino la cataratta, questa malattia non è una conseguenza inevitabile dell'invecchiamento. Gli studi dimostrano che i cambiamenti nelle abitudini riducono la probabilità di questo grave disturbo della vista. Solo la rimozione chirurgica della lente elimina una cataratta già formata. Tuttavia, devi solo pensare a come operare quando la tua vista è compromessa nella misura in cui ti impedisce di lavorare, guidare, leggere o partecipare ad attività del tempo libero che ti piacciono. Pertanto, è fondamentale capire prima cosa sono le cataratte e quali sono i modi migliori per prevenire questa malattia, responsabile del 50% dei casi di cecità nel mondo.

Cos'è la cataratta?

La lente dell'occhio è solitamente trasparente. È responsabile della rifrazione, che concentra la luce sulla retina e consente la formazione di un'immagine nitida. Quando subiscono la degradazione, le proteine ​​del cristallino formano ammassi e formano punti opachi, chiamati cataratte. Questi punti impediscono la corretta trasmissione della luce alla retina e la visione diventa offuscata o offuscata. Il grado di compromissione della vista dipende dalle dimensioni, dalla densità e dalla posizione della cataratta nel cristallino.

Per sapere cos'è la cataratta, basta sapere che si tratta di una malattia che classifica qualsiasi perdita di trasparenza nel cristallino, congenita o acquisita. Può anche essere asimmetrico, cioè si forma in un solo occhio e offusca la vista da un solo lato.

Quali sono i principali sintomi?

Ci sono alcuni sintomi facili da attribuire alla cataratta. Non tutti sorgono con la vecchiaia e possono essere causati dal contatto con sostanze chimiche o raggi UV, ad esempio. Quindi è essenziale consultare uno specialista non appena noti alcuni dei sintomi seguenti:

  • Sfocatura graduale e indolore o perdita della chiarezza della vista;
  • Maggiore sensibilità alla luce solare o ai fari delle auto di notte;
  • Visione di aloni attorno alle luci;
  • Cambiamenti nella percezione del colore.

E le cause principali?

La cataratta può insorgere a seguito di cambiamenti legati all'età, ma alcuni esperti ora ritengono che la maggior parte dei casi possa essere attribuita al fumo o all'esposizione alla luce solare ultravioletta (UV) durante la vita. Un altro possibile fattore è un basso livello di ossidanti (vitamine C ed E, beta-carotene e selenio). Questi composti neutralizzano i radicali liberi - molecole di ossigeno instabili - in grado di danneggiare la lente.

Normalmente, la lente contiene alte concentrazioni di glutatione, un antiossidante prodotto dall'organismo.

Inoltre, il diabete e il sovrappeso aumentano il rischio di cataratta, forse perché i livelli elevati di zucchero nel sangue (glucosio) contribuiscono alla distruzione delle proteine ​​del cristallino. Anche i danni agli occhi possono causare cataratta.

Come possono aiutare gli integratori?

L'uso di integratori prima della comparsa della cataratta può ritardare o impedire del tutto la loro formazione. Nelle prime fasi della malattia, gli integratori sono in grado di rallentare il loro tasso di crescita. Tuttavia, solo la chirurgia rimuove una cataratta già installata.

Sia la vitamina C che la vitamina E, potenti antiossidanti, sono in grado di proteggere l'obiettivo dalle lesioni causate dal fumo o dai raggi UV. Il selenio, un altro antiossidante, aiuta anche a neutralizzare i radicali liberi. I mirtilli sono ricchi di flavonoidi e aiutano ad eliminare le tossine dal cristallino e dalla retina. Uno studio ha dimostrato che i mirtilli, combinati con la vitamina E, hanno arrestato la progressione della cataratta in 48 partecipanti su 50.

Scopri alcune combinazioni di integratori che possono aiutare a combattere la cataratta:

  • La pianta di Ginkgo biloba, che migliora la circolazione e ha spiccate proprietà antiossidanti, può sostituire i mirtilli. Può essere una buona opzione per le persone che lo stanno già utilizzando a causa di problemi di memoria;
  • L'acido alfa-lipoico è promettente per prevenire la cataratta e migliora anche l'efficacia delle vitamine C ed E;
  • L'estratto di semi d'uva può avere un'azione terapeutica anche sui minuscoli vasi sanguigni e, quindi, giova alla circolazione oculare;
  • Considera l'aggiunta di olio di semi di lino a questo schema, i cui acidi grassi essenziali nutrono l'occhio. Anche la riboflavina (vitamina B2) è importante: prendi 25 mg al giorno se non stai già usando un complesso multivitaminico o un integratore di vitamina B che fornisce almeno quella quantità.

Cos'altro puoi fare?

  • Le sigarette contengono sostanze che possono essere estremamente dannose per gli occhi e possono portare alla cataratta. Questo è un altro motivo per smettere di fumare;
  • Proteggi i tuoi occhi dai raggi ultravioletti indossando occhiali da sole e un cappello a tesa larga quando sei all'aperto;
  • Mangia molta frutta e verdura fresca. Sono ottime fonti di antiossidanti che prevengono la cataratta.

Quando vedere il dottore?

Se inizi a sviluppare uno dei sintomi della cataratta sopra menzionati, consulta urgentemente uno specialista.

Esistono anche istituti di oftalmologia specializzati in visite e trattamenti per la cataratta. L'Istituto Benjamin Constant, a Rio de Janeiro, ad esempio, offre anche l'intervento chirurgico necessario per la correzione.

Cerca un medico che possa spiegarti la cataratta e offrire metodi di prevenzione adatti alla tua salute. Inoltre, è anche essenziale parlare con uno specialista se si sceglie di assumere integratori, poiché alcuni possono avere impatti sul corpo.