Scopri come il rosmarino può migliorare la tua memoria

Se ricordi il rosmarino solo quando prepari un arrosto, sappi che ti manca un ottimo trattamento per calmare i nervi, guadagnare energia e anche migliorare la memoria. Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) contiene flavonoidi dalla potente azione antiossidante. Questi composti rafforzano anche i vasi sanguigni e riducono l'infiammazione. Inoltre, riducono il rischio di cancro, arteriosclerosi e altre malattie croniche.

Radici storiche

La reputazione del rosmarino come potenziatore della memoria viene dai tempi dell'antica Grecia. A quel tempo, gli studenti, durante il periodo di prova, usavano già rametti di erba nei loro capelli. Anche in Grecia, i parenti in lutto hanno gettato il rosmarino nelle tombe come simbolo del ricordo. Migliaia di anni dopo, nell'era dei Tudor, Sir Thomas More nei suoi scritti diceva di aver piantato il rosmarino nel giardino perché era "l'erba consacrata alla memoria". Persino Shakespeare conosceva i poteri del rosmarino sulla memoria, quando scriveva questo discorso all'Ofelia di Amleto: "C'è il rosmarino lì, è per il ricordo".

In termini cosmetici, il rosmarino viene utilizzato per recuperare ciocche di capelli sottili e fragili. Inoltre, era un ingrediente fondamentale in una bevanda chiamata "acqua della regina d'Ungheria". Le informazioni sulla sua creazione sono oscure, ma per secoli le donne hanno usato questa pozione come profumo e lozione abbellente. In un libro sulle erbe scritto nel 1525, il vino bollito con rosmarino è consigliato per la pulizia del viso.

Che cosa ha?

Il rosmarino contiene diversi flavonoidi, tra cui diosmina, diosmetina, genkwanina e apigenina. Studi di laboratorio hanno dimostrato che questi pigmenti vegetali bianchi e gialli sono stati associati a proprietà benefiche. Quello che non si sa ancora è la quantità di rosmarino necessaria per sfruttare ciò che è buono. Tuttavia, i suoi vantaggi sono impressionanti. Ad esempio, l'apigenina può inibire la crescita delle cellule tumorali del pancreas. Diosmin rinforza le pareti dei vasi sanguigni. Genkwanina aiuta a prevenire le rughe grazie alla sua capacità di attivare la produzione di collagene.

Il rosmarino contiene altri composti, compreso l'acido rosmarinico; che ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. L'estratto di rosmarino è noto anche per le sue proprietà antivirali.

Cosa dicono gli scienziati

Recentemente, la ricerca è stata condotta presso la Facoltà di Infermieristica della Florida Atlantic University. I ricercatori hanno creato un metodo per testare gli effetti dell'inalazione di oli essenziali di rosmarino e lavanda in caso di ansia o stress. Hanno chiamato 40 studenti universitari e applicato un test, per poi misurare i loro livelli di stress; il polso e la pressione sanguigna. Quindi, i volontari hanno fatto un altro test, questa volta utilizzando un inalatore con essenza di lavanda. Sono stati istruiti a inalare l'aroma prima e durante la degustazione. Poi hanno fatto un terzo test, ma questa volta usando un inalatore con essenza di rosmarino.

Gli studenti hanno affermato che il rosmarino era più utile della lavanda. Secondo i ricercatori, avrebbe migliorato la capacità degli studenti di ricordare il materiale, oltre ad aiutarli a rimanere vigili. La lavanda li ha lasciati così rilassati che ha finito per ridurre la loro capacità di eseguire il test. Pertanto, la conclusione è stata che il rosmarino aumenta lo stato di attenzione, migliora la concentrazione e lascia la persona più vigile.

Un altro risultato

In uno studio condotto nel 2007, gli scienziati taiwanesi, esaminando un estratto di foglie di rosmarino, sono stati in grado di identificare i suoi cinque composti principali; che sono stati poi testati. I risultati hanno portato gli scienziati a concludere che il rosmarino può essere considerato un "medicinale a base di erbe antinfiammatorio e antitumorale".

Ma attenzione! L'uso medicinale del rosmarino è controindicato in caso di gravidanza o allattamento. Se pensi di dover aumentare la tua memoria, controlla i tuoi sospetti facendo il test: Com'è la tua memoria?