Pre-diabete: quando la glicemia “normale” non è sufficiente

Il pre-diabete è il primo stadio. Anche quando il risultato dell'analisi del sangue è "normale", potresti non essere completamente libero dal diabete. Secondo recenti ricerche, il tipo di zucchero nel sangue normale può ancora aumentare il rischio di malattia. Quindi, alcuni medici stanno prendendo questi risultati più seriamente. Ancora di più quando i pazienti hanno altri fattori di rischio, come l'obesità o la storia familiare.

È probabile che il confine in qualche modo arbitrario tra glicemia normale e alta associata al diabete possa dare a milioni di persone un falso senso di sicurezza, avverte Nicolas Cherbuin della National University of Australia. La sua ricerca pubblicata nel 2013 ha rilevato che le persone di mezza età con valori di glicemia a digiuno nel più alto intervallo di normalità (vedi riquadro) non solo hanno ottenuto risultati peggiori nei test di memoria, ma hanno anche avuto una maggiore retrazione in una regione del cervello importante rispetto a quelli con glicemia più bassa. Il glucosio alto può danneggiare i vasi sanguigni e ostacolare il flusso di nutrienti al cervello.


I NUMERI CHE TU E IL TUO MEDICO DOVRESTE SAPERE *
  • DIABETE Glicemia pari o superiore a 126 mg / dl

  • PRE-DIABETE Glicemia compresa tra 100 mg / dl e 125 mg / dl

  • GLUCEMIA NEL LIMITE DEL CAMPO DI NORMALITÀ Tra 90 mg / dl e 99 mg / dl (nuova categoria studiata per rischi per la salute)

  • GLICEMIA NORMALE Attualmente definita da 70 mg / dl a 99 mg / dl

    * Tutti i livelli si basano sul test della glicemia a digiuno; che richiede il digiuno per 8 ore durante la notte.

Vedi che la resistenza all'insulina non è pre-diabete.

Altre ricerche indicano che la glicemia al limite del range normale aumenta il rischio di malattie cardiache promuovendo l'infiammazione e stringendo i vasi sanguigni. Uno studio israeliano del 2012 ha rilevato che gli individui con glicemia a digiuno tra 90 mg / dl e 99 mg / dl avevano il 40% di probabilità in più di avere malattie cardiache rispetto a quelli con meno di 80 mg / dl.

Vedere le diapositive seguenti per ulteriori risultati di ricerca.

spukkato / iStock

Il cancro è un'altra preoccupazione

Dopo aver seguito le donne italiane per 13 anni, i ricercatori hanno scoperto che coloro la cui glicemia a digiuno era al limite della norma avevano il 52% in più di probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto a coloro che avevano un tasso inferiore a 80. Forse una ragione è che l'insulina rilasciata dall'organismo per controllare la glicemia accelera anche la crescita cellulare.

Prima di tutto, tutti dovrebbero conoscere la propria glicemia. E cambia il tuo stile di vita quando questo tasso è intorno ai 90 anni, dice il dottor Joel K. Kahn, un cardiologo specializzato in prevenzione, che cura molti diabetici o pre-diabetici.

Prostock-Studio / iStock

Glicemia a digiuno

"Il glucosio nel sangue ideale a digiuno è inferiore a 85", dice. "Ogni punto sopra è associato a più problemi, quindi l'approccio migliore è agire rapidamente".

La Brazilian Diabetes Society e l'American Diabetes Association raccomandano i test del glucosio ogni tre anni a partire dai 45 anni. Ma potrebbe essere necessario eseguirli più spesso. Oppure, se la persona appartiene a gruppi etnici ad alto rischio (afro-americani, ispanici e asiatici), è in sovrappeso, ha avuto il diabete gestazionale o ha i diabetici in famiglia.

Pertanto, gli esperti insistono su una maggiore vigilanza. Ricerche importanti mostrano che una maggiore attività fisica e una migliore alimentazione possono invertire la strada verso il diabete. Il Diabetes Prevention Program, un innovativo studio americano condotto in 27 centri, ha scoperto che le persone con pre-diabete possono ridurre il rischio di sviluppare la malattia del 58%; e persino regolare la glicemia se ti alleni per almeno due ore e mezza alla settimana e dimagrisci solo modestamente quando necessario (circa solo il 20% dei pre-diabetici è magro).

demaerre / iStock

Stile di vita

Il sondaggio ha anche rilevato che il cambiamento, soprattutto nello stile di vita, ha avuto un effetto ancora maggiore rispetto ai farmaci. E i benefici possono durare. Secondo un sondaggio condotto in Cina, dopo 23 anni, coloro che hanno partecipato a una dieta a lungo termine e / o un programma di esercizi fisici avevano meno probabilità di sviluppare il diabete o di morire per altre cause.

Se la glicemia sta aumentando, questo cambiamento nella dieta ti aiuterà molto. L'esercizio consigliato dalla scienza può aiutarti a tornare a livelli più sani. Maggiori informazioni sul diabete a questo link.

Aamulya / iStock

Mangia bene

ADOTTA LA DIETA MEDITERRANEA

Secondo studi che hanno coinvolto 140.000 persone, la probabilità di sviluppare il diabete è inferiore del 21% tra coloro che seguono la dieta mediterranea. Si basa su alimenti di origine vegetale, come frutta, verdura, legumi, noci, cereali integrali e olio d'oliva. Pesce e pollo sono usati regolarmente, ma non carne rossa, burro e dolci. I fitonutrienti e le fibre nelle verdure aiutano a controllare i livelli di zucchero nel sangue e l'olio d'oliva può ridurre l'infiammazione.

continua a leggere