4 sintomi che possono persistere dopo Covid-19

È un'agonia soffrire di Covid-19 con brividi , febbre e altri sintomi spiacevoli. Ora, gli esperti stanno scoprendo che alcune persone che si sono riprese dal coronavirus hanno sintomi prolungati che durano per settimane o addirittura mesi.

Scott Krakower, uno psichiatra di Glen Oaks, New York, ne è un esempio. L'uomo di 40 anni ha trascorso gran parte di aprile ammalato con una tosse violenta, difficoltà a deglutire e brividi così forti che ha continuato a fare una doccia calda. È risultato negativo al virus alla fine di maggio.

Ora, a metà agosto, sebbene il virus stesso sia scomparso, ha ancora tosse ricorrente, stanchezza e una voce debole. Non ha intenzione di tornare a lavorare prima di settembre, per lo meno.

Per saperne di più: Scopri 6 luoghi ad alto rischio di trasmissione di Covid-19 che dovresti evitare. 

Nella presentazione seguente, guarda cosa sappiamo dei sintomi del Covid-19 che non scompaiono rapidamente.

klebercordeiro / iStock

Lunghi trasportatori

Il dottor Krakower fa parte di un numero crescente di "lunghi trasportatori" (persone che presentano sintomi da più tempo), che riferiscono i sintomi del Covid-19 molto tempo dopo la scomparsa del virus.

"Ci dice che questo virus è un po 'diverso dagli altri", dice Todd W. Rice, MD, direttore della terapia intensiva medica presso la Vanderbilt University di Nashville. "Probabilmente provoca più danni e quindi ha effetti residui più lunghi".

Coreografo / iStock

Quante persone hanno i sintomi rimanenti dell'infezione da coronavirus?

Nessuno sa esattamente quante persone hanno i sintomi rimanenti dal Covid-19.

In un Weekly Morbidity and Mortality Report (MMWR) del 24 luglio, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno riferito che il 35% dei pazienti adulti, la maggior parte dei quali non era stato in ospedale, non era tornato al loro "Salute normale" due o tre settimane dopo che il test è positivo.

Uno studio italiano pubblicato il 9 luglio sul JAMA - Journal of the American Medical Association ha rilevato che l'87,4% dei pazienti ricoverati aveva ancora almeno un sintomo persistente 60 giorni dopo il primo sintomo.

Molte persone che riferiscono sintomi in corso sono più anziane o hanno comorbidità, gli stessi fattori che ti mettono a rischio di un caso più grave di Covid-19, come malattie cardiache o polmonari. Nel rapporto CDC, più una persona aveva condizioni croniche, più era probabile che affermasse di non essere completamente guarita.

D'altra parte, dice Prathit Kulkarni, MD, assistente professore di medicina al Baylor College of Medicine, "i sintomi persistenti possono esistere anche con forme più lievi di Covid-19". (Avevi Covid-19?) 

Ulteriori informazioni su Covid-19 e diabete.

monkeybusinessimages / iStock

1. Stanchezza 

Nello studio JAMA, più della metà (53,1%) dei partecipanti ha riportato stanchezza due mesi dopo, rendendolo il sintomo persistente più comune.

La fatica ha ottenuto un punteggio alto anche nel rapporto CDC, così come in un sondaggio di 1.567 guariti da Covid-19 condotto dall'Indiana University e Survivor Corps, un'organizzazione di base che include persone che spesso si definiscono `` lunghe -trasportatori '.

"Questa stanchezza è piuttosto grave", afferma il dottor Rice. "È una stanchezza paralizzante."

L'infezione sembra durare un po 'più a lungo con Covid-19 che con l'influenza o altre malattie respiratorie ed è un po' più diffusa.

Al contrario, osserva il CDC, oltre il 90% delle persone con l'influenza guarisce entro due settimane da un risultato positivo del test. (Questo è ciò che devi sapere sui test Covid-19.)

KatarzynaBialasiewicz / iStock

2. Problemi respiratori

Mancanza di respiro e difficoltà a respirare sono stati tra i sintomi più comuni riportati. Naturalmente sono anche i principali sintomi di un virus, che attacca principalmente il sistema respiratorio.

In particolare, sono i segni distintivi della sindrome respiratoria acuta grave (SARS), che si verifica quando il fluido si accumula nei polmoni, impedendoti di ottenere abbastanza ossigeno.

Secondo una stima dell'Oxford University Centre for Evidence-Based Medicine, il 15% delle persone con Covid-19 sviluppa la SARS e potrebbe aver bisogno di ossigeno o ventilazione meccanica.

Sebbene non abbiamo tanti dati sulle complicanze a lungo termine dallo stesso Covid-19, "sulla base di altre malattie che richiedono l'ICU, sappiamo che una piccola percentuale di persone avrà danni ai polmoni a lungo termine, fibrosi e cicatrici per aver soggiornato in terapia intensiva" dice il dottor Rice.

Scopri il glossario Covid-19. 

continua a leggere