Soffri di sindrome premestruale? Quindi impara a conoscere l'olio di enotera

L'olio di enotera ha un grasso speciale chiamato acido gamma-linolenico (AGL). Estratto dal seme di primula, ha dimostrato effetti terapeutici nella cura di vari sintomi. La pianta e la sua radice sono state a lungo utilizzate per scopi medicinali - nel trattamento di emorroidi, mal di gola e dolori di stomaco. Tuttavia, l'uso dell'olio di enotera è relativamente recente. L'AGL è un acido grasso essenziale che il corpo converte in composti simili agli ormoni chiamati prostaglandine, che regolano molte delle funzioni del corpo.

Sebbene il corpo possa produrre AGL da altri tipi di grasso che consumiamo, non c'è nessun altro alimento che abbia quantità apprezzabili di quell'acido. L'olio di enotera è una fonte concentrata: dal 7 al 10% dei suoi acidi grassi è sotto forma di AGL. La maggior parte degli studi che indagano sugli effetti dell'AGL utilizzano l'olio di enotera, motivo per cui è la fonte preferita di questo acido.

Come funziona l'olio di primula

Il corpo produce molti tipi di prostaglandine: alcune favoriscono il processo infiammatorio, altre lo controllano. L'AGL nell'olio di enotera viene direttamente convertito in importanti prostaglandine antinfiammatorie, responsabili della maggior parte degli effetti terapeutici dell'integratore. Inoltre, l'AGL è un componente importante delle membrane cellulari.

Molti esperti consigliano di acquistare l'olio con una piccola quantità di vitamina E. Gli acidi grassi nell'olio di enotera si degradano rapidamente e la vitamina E può rallentare questo processo.

Grazie al suo contenuto di AGL, l'olio di enotera può essere efficace in caso di disturbi mestruali, come sindrome premestruale, crampi mestruali ed endometriosi. In particolare, l'olio blocca le prostaglandine infiammatorie che causano i crampi mestruali. Inoltre, aiuta ad alleviare la tenerezza del seno che alcune donne sperimentano nel periodo premestruale. Svolge anche un ruolo importante nell'invertire l'infertilità in alcune donne. Dai un'occhiata a questo manuale che ti aiuterà ad affrontare ancora di più la sindrome premestruale.

Aiuti nella prevenzione

Nelle persone affette da diabete, l'AGL nell'olio di enotera si è dimostrato utile nella prevenzione dei danni ai nervi; una complicanza comune di questa malattia. In uno studio su persone affette da lieve neuropatia diabetica, il trattamento con olio di enotera ha ridotto intorpidimento e formicolio. Inoltre, era utile contro la perdita di sensibilità e altri sintomi correlati al disturbo. Il diabete è una malattia molto comune, ma lascia ancora dubbi. Quindi, conosci i sintomi principali e come controllarli.

Indicazioni:

  • Sollievo dal dolore da artrite reumatoide.
  • Riduce al minimo i sintomi del danno nervoso diabetico.
  • Allevia i sintomi dell'eczema.
  • Aiuta nel trattamento di tensioni premestruali, endometriosi e crampi mestruali.
  • Riduce l'infiammazione da acne, rosacea e danni muscolari.

L'olio di enotera è indicato anche per il trattamento dell'eczema. L'eczema è una malattia allergica della pelle che può svilupparsi se il corpo ha problemi a convertire i grassi dal cibo in FFA. Studi su persone con eczema indicano che l'assunzione di olio per tre o quattro mesi può aiutare ad alleviare il prurito. Inoltre, può ridurre la necessità di corticosteroidi topici e farmaci con effetti collaterali spiacevoli.

Come prendere

Sebbene l'olio sia commercializzato in forma liquida, le capsule di gelatina possono essere più convenienti da assumere. La dose terapeutica raccomandata è generalmente di 1.000 mg tre volte al giorno. Questo dosaggio fornisce 240 mg di AGL al giorno. Tuttavia, per alleviare i sintomi della malattia di Raynaud, applicare localmente sulle dita.

Ricorda se! Se hai problemi di salute, fisici o psichiatrici, parla con il tuo medico prima di prendere questo integratore.

Assumere durante i pasti per aumentare l'assorbimento. Negli studi, circa il 2% dei partecipanti che hanno usato l'olio di enotera ha sperimentato flatulenza o qualche disagio gastrointestinale. Tuttavia, il consumo associato al cibo può ridurre questi effetti.