Rimedi dimagranti: cosa c'e da sapere su di loro?

La vicinanza all'estate fa sì che molte persone cerchino soluzioni rapide per dimagrire. E con ciò, i rimedi per perdere peso sono talvolta visti come opzioni miracolose per ottenere la riduzione delle misure ad ogni costo.

Tuttavia, nonostante la facilità di acquisizione, l'uso di farmaci dimagranti dovrebbe essere fatto con un monitoraggio medico specializzato.

Altrimenti, può generare una serie di effetti collaterali, incluso il tanto temuto effetto a fisarmonica.

Quindi, se da un lato questi farmaci hanno un ruolo importante nell'aiutare contro l'obesità, dall'altro hanno generato un'ondata di uso indiscriminato, estremamente dannoso per la salute.

Dai un'occhiata qui sotto:

  • Indicazioni e controindicazioni per l'uso di farmaci dimagranti;
  • Farmaci dimagranti rilasciati da Anvisa;
  • Effetti collaterali dei principali farmaci dimagranti;

Quando è indicato l'uso di farmaci dimagranti?

Se hai qualche chilo in più, sappi che i rimedi per perdere peso non sono raccomandati per te.

Secondo il Ministero della Salute, questi farmaci sono indicati solo per gli adulti con un Indice di Massa Corporea (BMI) uguale o superiore a 30.

Oppure, con un BMI superiore a 27 nelle persone con comorbidità associate, come:

  • Diabete;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Colesterolo alto;
  • Disordini muscolo-scheletrici.

Inoltre, i farmaci dimagranti dovrebbero essere visti come alleati complementari di una routine di esercizi. Aggiunto anche a un cambiamento nello stile alimentare e nel follow-up terapeutico, se necessario.

Pertanto, non dovrebbero essere visti come l'unica opzione per la perdita di peso, ma come parte di un programma di gestione del peso, prescritto e accompagnato da un medico.

Generalmente, questi rimedi vengono prescritti quando il paziente non risponde bene solo a conciliare diete ed esercizi.

E quindi, hanno bisogno di uno stimolo temporaneo in modo che la perdita di peso possa avvenire in modo sano.

Controindicazioni per farmaci dimagranti

Oltre a dover rispettare il BMI necessario al suo utilizzo, i farmaci dimagranti sono sconsigliati anche per:

  • Persone con allergie ai componenti della formula;
  • Bambini e adolescenti;
  • Donne in gravidanza e in allattamento;

I principali tipi di rimedi per la perdita di peso rilasciati da Anvisa

I rimedi per la perdita di peso funzionano in modi diversi. Ci sono quelli che agiscono interferendo con l'apporto di energia. Cioè, ridurre il consumo di cibo diminuendo la fame.

Ma oltre a questi, esistono anche i termogenici, che agiscono nell'interferenza del dispendio energetico; e quelli che ostacolano l'assorbimento dei grassi dal cibo.

Attualmente, i quattro principali farmaci dimagranti rilasciati da Anvisa sono:

  • Liraglutida (saxenda)
  • Orlistat
  • Sibutramina
  • Locarserina

Rimedi per dimagrire: effetti collaterali

Saxenda (liraglutide)

Rilasciato da Anvisa nel 2016, Saxenda è un farmaco iniettabile che ha liraglutide come uno dei suoi componenti principali. Questa sostanza agiscenell'ipotalamo, la regione in cui si manifesta la sensazione di sazietà.

E così, provoca una diminuzione della fame e la conseguente riduzione del numero di calorie ingerite.

Attualmente è uno dei rimedi che presenta i migliori risultati in termini di dimagrimento. Secondo i dati del produttore, la perdita di peso può arrivare fino al 20% della composizione corporea dell'individuo.

Il farmaco deve essere applicato una volta al giorno sull'addome.

Effetti collaterali di Saxenda: nausea, diarrea, costipazione e perdita di appetito.

Principali nomi commerciali: Victoza, Xultophy

Orlistat

A differenza di altri farmaci dimagranti, Orlistat non inibisce l'appetito. Questo perché i suoi componenti non agiscono sul cervello o sul sistema nervoso, ma sull'assorbimento intestinale.

Bloccando le lipasi gastrointestinali, che sono enzimi che assorbono i grassi, circa il 30% del grasso ingerito smette di essere assorbito dall'intestino.

E così, unito a una buona dieta, può causare una significativa perdita di peso.

Poiché questo farmaco può interferire con l'assorbimento di alcune vitamine, su raccomandazione medica è anche importante assumere un multivitaminico quotidiano.

Effetti collaterali di Orlistat: eruzione cutanea, orticaria e diarrea.

Principali nomi commerciali: Xenical, Lipoclin, Lipiblock, Lystate, Lipoxen.

Sibutramina

Sotto forma di capsule, la sibutramina è uno dei farmaci dimagranti più venduti in Brasile. È anche l'unico ad agire sul sistema nervoso.

Il suo funzionamento è dovuto all'inibizione della ricaptazione di serotonina, noradrenalina e dopamina.

E così, facendo permanere più a lungo queste sostanze nel cervello, provoca una maggiore sensazione di sazietà nel corpo.

In questo modo si riduce il consumo di cibo e si verifica la perdita di peso.

Ma attenzione: le persone con problemi cardiaci dovrebbero evitare la sibutramina. E questo perché questo medicinale per perdere peso può aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Effetti collaterali della sibutramina : secchezza delle fauci, insonnia, nausea e costipazione.

Principali nomi commerciali: Reductil, Biomag, Grece, Nolipo, Vazy, Sibus.

Locaserina

Rilasciato da Anvisa nel 2017, locaserin si è distinto per la sua maggiore sicurezza, soprattutto per agire sui recettori della serotonina presenti nell'ipotalamo - e non sui recettori della serotonina presenti nel cuore.

Pertanto, gli studi hanno sottolineato che l'uso della locaserina ha impedito possibili cambiamenti nelle valvole cardiache.

Tuttavia, nel febbraio di quest'anno, Anvisa ha sottolineato il rischio che questo farmaco causi il cancro. E così, ha raccomandato ai medici di smettere di prescrivere questo medicinale ai loro pazienti.

Quindi devi stare attento (e se possibile evitare) questo medicinale per perdere peso.

Principali nomi commerciali: Belviq

Effetti collaterali della Locasertina : mal di testa, ronzio nell'orecchio e nausea.

Altri rimedi per dimagrire

Oltre a questi rimedi, è possibile trovarne anche altri disponibili sul mercato. Tuttavia, la stragrande maggioranza di questi farmaci che sopprimono l'appetito (chiamati anoressizzanti) contiene anfetamine.

Queste sostanze provocano una sensazione di sazietà, ma per questo aumentano la noradrenalina e la dopamina, due sostanze che iperstimolano il sistema nervoso centrale.

E così, possono causare problemi cardiopolmonari e complicazioni nel sistema nervoso centrale.

In generale, come abbiamo già commentato, tutti i rimedi per il dimagrimento dovrebbero essere utilizzati sotto controllo medico.

Come trattare l'obesità?

È necessario capire che i rimedi per dimagrire mirano alla cura di una malattia: l'obesità. Pertanto, la sua assunzione non dovrebbe essere per motivi estetici, tanto meno senza prescrizione medica.

Secondo un'indagine condotta dal Ministero della Salute, più della metà della popolazione (55,7%) è in sovrappeso. E il 19,8% soffre di obesità.

Oltre ad aumentare il rischio di malattie cardiache, diabete e cancro, l'obesità causa anche un'altra serie di problemi, come perdita dell'udito, Alzheimer e disturbi gastrointestinali.

Pertanto, è importante cercare un trattamento appropriato per questa malattia, combinando sempre esercizio fisico regolare e cambiamenti nelle abitudini alimentari.

E, se del caso, anche utilizzando rimedi per dimagrire.

Per saperne di più: l'obesità può diminuire l'efficacia del vaccino Covid-19