Scopri tutto sulla malattia fibrocistica del seno

I seni normali hanno densità e consistenze variabili.   Tuttavia, è necessario essere attenti ai cambiamenti di dimensioni e fare sempre l'esame del tatto. Grumi e dolore insolito possono essere sintomi della malattia fibrocistica del seno.

Prima della menopausa, le donne tendono ad avere più tessuti e meno grasso nel seno rispetto a dopo. A volte sviluppano cisti piene di regioni fluide o fibrose, che possono essere dolorose immediatamente prima delle mestruazioni.

Sebbene la maggior parte abbia un lieve fastidio al seno durante la vita, alcuni hanno un forte dolore ogni mese al punto da interferire con la loro routine. Questi cambiamenti premestruali sono stati a lungo chiamati "malattia fibrocistica del seno".

Tuttavia, questa condizione non è una malattia e non aumenta il rischio di cancro al seno. Anche se avere seni con più noduli può rendere difficile identificare un possibile cancro.

I noduli benigni sono, in generale, differenziati da quelli cancerosi perché si muovono più liberamente nel seno e cambiano con il ciclo mestruale.

Quali sono le cause della malattia fibrocistica del seno?

I cambiamenti fibrocistici nel seno sono collegati all'aumento e alla caduta degli ormoni associati al ciclo mestruale. Le donne che producono livelli molto alti di estrogeni associati a un basso livello di progesterone dopo l'ovulazione possono soffrire di più.

Questa combinazione può portare a una produzione eccessiva di prolattina, un ormone che innesca la produzione di latte. Tuttavia, aumenta la sensibilità al seno nelle donne che non allattano.

La maggior parte dei medici non considera più il disagio e il nodulo del seno fibrocistico come una malattia, poiché questa condizione comune colpisce praticamente il 50% delle donne sotto i 50 anni di età.

Molti esperti ritengono che la caffeina stimoli la crescita di noduli al seno pieni di liquido o cisti. Tuttavia, altri ricercatori affermano che non ci sono prove certe di alcuna connessione tra questa sostanza e l'ipersensibilità al seno.

Quali sono i sintomi della malattia fibrocistica del seno?

  • Se compare un nuovo nodulo, soprattutto se non hai sempre avuto seni con noduli.
  • Se un nodulo cresce, diventa più duro o non diminuisce dopo la fine delle mestruazioni.
  • Se c'è scarico dal capezzolo.
  • Se il tuo dolore al seno è grave.

Se senti noduli o noduli al seno, dolorosi o meno, non esitare a chiedere aiuto. Anche l'aumento dei noduli o il fastidio al seno circa 1 settimana prima delle mestruazioni possono essere un sintomo. Presta attenzione al tuo corpo e assicurati di prenderti cura di te stesso.

Come viene trattata la malattia fibrocistica del seno?

Molte donne menzionano il sollievo dal dolore al seno dopo aver assunto la vitamina E. Non si sa esattamente come funzioni, ma alcuni esperti ritengono che blocchi i cambiamenti nel tessuto mammario, probabilmente causati dalla caffeina.

Taglia la caffeina e vedi se aiuta. Oltre al caffè e al tè, la caffeina si trova nel cioccolato, nelle bevande analcoliche tipo cola e in alcuni farmaci da banco. Potrebbero essere necessari 6 mesi prima di notare dei miglioramenti.

Poiché agisce per ripristinare l'equilibrio ormonale tra estrogeni e progesterone, la pianta di vitex può essere utile per ridurre i cambiamenti del seno legati alle mestruazioni. Gli acidi grassi essenziali agiscono spesso come antinfiammatori.

Inoltre, aiutano il corpo ad assorbire lo iodio; bassi livelli di iodio sono stati collegati al seno fibrocistico. Il magnesio può anche ridurre l'infiammazione e il dolore. In caso di seni doloranti, indossare un reggiseno con un buon sostegno.

Per saperne di più: scopri come identificare la carenza di iodio nel corpo

La vitamina B6 può essere utile nelle donne che hanno sintomi di sindrome premestruale con dolore al seno e aiuta il fegato a processare gli estrogeni.

Per saperne di più: per aiutarti a superare questo noioso momento della sindrome premestruale, consulta questo manuale.

Attenzione:

Per avere la diagnosi corretta dei tuoi sintomi e fare un trattamento efficace e sicuro, chiedi consiglio a un medico.