Impara come risolvere il problema del bullismo in modo permanente

Il bullismo è più che litigi e discussioni. È la presa in giro e la persecuzione di un gruppo di persone su qualcuno. È il comportamento aggressivo costante di un gruppo o individuo nei confronti di qualcuno molto meno sicuro di sé o potente con l'intenzione di intimidire, molestare e umiliare. Il bullismo può essere faccia a faccia (insulti e spinte, ad esempio), a distanza (con voci) o sui social media (cyberbullismo).

I bambini vittime di bullismo perdono la fiducia in se stessi e il senso di sicurezza. Per molti è difficile ammettere la situazione, per vergogna o paura di aumentare l'aggressività. Inoltre, il peso che portano può causare cambiamenti persistenti nel comportamento e nella personalità molto tempo dopo questo disturbo. Quindi, guarda come puoi risolvere il problema del bullismo su base giornaliera.

Segnali importanti

La vittima del bullismo diventa più introversa, meno sicura di sé, dorme male, si isola e passa più tempo da sola. Non dovrebbe mai essere tollerato come parte normale dell'infanzia o dell'età adulta. Il bambino maltrattato soffre di stress, oltre ai rischi associati al suo benessere fisico e mentale. Tende anche a trasformarsi in un adulto con problemi di salute.

Il bullismo è una delle principali cause di stress, con effetti potenzialmente profondi sulla salute fisica e mentale.

Il bullismo non si limita al cortile della scuola ed è molto comune sul posto di lavoro (bullismo). Il bullismo include fare commenti e usare un linguaggio offensivo o aggressivo, escludere deliberatamente qualcuno dalle attività aziendali, stabilire scadenze impossibili o modificarle costantemente, cambiare le tabelle per turbare uno specifico dipendente o gruppo di dipendenti e diffondere disinformazione e voci. Non deve essere faccia a faccia; è comune essere tramite e-mail, messaggi e post sui social media. Inoltre, i responsabili possono formare un gruppo che offende e molesta uno o più colleghi.

Cyber ​​bullismo

Il bullismo è sempre esistito, ma i social media hanno aggiunto una nuova modalità: il cyberbullismo. Questa pratica è molto comune tra gli adolescenti e comporta l'invio di messaggi e e-mail minacciosi e umilianti e la pubblicazione sui social media. I messaggi pubblicati vengono visti non solo dalla persona attaccata, ma anche dai suoi amici. Pertanto, essere pubblici, può essere molto stressante per la vittima di questa aggressione.

Come sconfiggere il bullismo

Ecco alcuni passaggi per aiutare le vittime della persecuzione.

  • Prova ad avviare una conversazione sul bullismo in generale. Sottolinea che è totalmente inaccettabile e non dovrebbe mai essere tollerato. Cerca di diminuire il potere degli aggressori, sottolineando che, in generale, chi lo fa è un codardo; ancora di più quando ti nascondi dietro la tecnologia e invii messaggi di testo o e-mail. Metti in chiaro che la vittima della persecuzione non è da biasimare.
  • Incoraggiala a cercare qualcuno di cui fidarsi per parlare del problema. Può essere un familiare, un amico o un professionista della salute, come gli psicologi.
  • Il bullismo non deve rimanere impunito. Chiama le autorità competenti per risolvere il problema non appena viene rilevato. Nel caso dei bambini può essere il consiglio scolastico o anche la polizia specializzata; di solito c'è una pagina di report sui social media. La maggior parte delle scuole ha politiche per prevenire qualsiasi forma di bullismo. Le aziende hanno la stessa responsabilità di proteggere i propri dipendenti in caso di bullismo.
  • Blocca immediatamente le email e i messaggi degli aggressori.
  • Promuovi l'autostima di tuo figlio incoraggiando hobby e attività extrascolastiche che sfruttino i suoi talenti. Questa può essere un'opportunità per sviluppare relazioni sane tra bambini con interessi simili e per aumentare la fiducia a lungo termine. Alcune opzioni: sport di squadra, danza, musica e gruppi teatrali, corsi di cucina o pittura (quando possibile, dopo la pandemia). Questo vale anche per gli adulti!
  • La ritorsione non è mai buona, ma scrivi quando e dove si è verificata l'aggressione. Non eliminare e-mail e messaggi intimidatori e catturare le schermate dei post da utilizzare come prova.